05 – Sabato 31 gennaio 2015

Un cuore grande

Scarica la storia in PDF

Payton aveva invitato Wyatt ad andare con lui al club degli Esploratori, ma sua madre non gli aveva dato il permesso.

«Hanno ucciso il mio cane!» urlò Brayden  con le lacrime agli occhi al suo amico Payton. «Parleresti al suo funerale?».
Payton, dodici anni, non aveva mai organizzato un funerale, però voleva aiutare il suo amico e gli disse di sì. Organizzò tutto per bene. Avrebbero scavato una tomba nell’orto di casa sua e lì lo avrebbero seppellito. Durante il funerale, Payton pronunciò un breve discorso e pregò; poi, i due ragazzi misero nella tomba tutte le cose appartenute al cane: il collare, la sua scodella e il giochino di plastica. Infine, ricoprirono la tomba e si allontanarono.
Non era trascorso molto tempo da quando Payton e la sua famiglia si erano trasferiti in quel quartiere; sin dall’inizio aveva conosciuto Brayden ed era diventato un suo amico. Brayden stava vivendo un momento difficile in famiglia e Payton gli aveva parlato di Dio; infatti sia Payton sia i suoi familiari erano credenti.
Brayden si era interessato alla religione di Payton e, siccome erano amici, trascorreva spesso molto tempo a casa sua. Gli piaceva particolarmente stare con la famiglia di Payton il venerdì sera, per poter poi andare insieme in chiesa, il sabato. Dopo qualche tempo, si unì a loro anche il cugino di Brayden, Hunter; Payton ebbe così due amici con cui condividere la sua cameretta, perlomeno il venerdì sera.
Un giorno Brayden raccontò di come era nata la sua amicizia con Payton; quando Payton e la sua famiglia si erano trasferiti nel quartiere, il nonno di Brayden aveva chiesto se Brayden si fosse potuto occupare del loro giardino. Andando a fare piccoli lavoretti di volta in volta, i due ragazzi si erano incontrati, conosciuti e avevano fatto amicizia. Dopo qualche settimana Brayden aveva notato che la famiglia di Payton il sabato si assentava sempre e, incuriosito, aveva chiesto spiegazioni. Payton lo aveva invitato in chiesa.
Brayden si era, così, iscritto al club degli esploratori e successivamente alla scuola avventista locale. Il signor Brown, il padre di Payton, aveva trovato degli sponsor per pagare gli studi di Hunter e di Brayden; i due ragazzi ora frequentavano la scuola ed erano entusiasti sia degli insegnanti sia dei compagni di classe.
Un giorno, nel percorso verso la scuola, Payton disse ai suoi amici che aveva fatto una scelta importante: voleva essere battezzato. Brayden e Hunter espressero il desiderio di essere battezzati con lui, così cominciarono a studiare la Bibbia e il 2 novembre del 2013 ricevettero il battesimo.
Brayden  afferma che i membri della sua chiesa sono le persone più buone e gentili che abbia mai conosciuto. Quando si ha bisogno di loro, ci sono sempre e il pastore, Don, tiene dei sermoni stupendi. Per Braydon la chiesa è la sua seconda famiglia e comunque la famiglia che ha sempre desiderato.
I familiari di Brayden non sono avventisti e non capiscono i cambiamenti che sono avvenuti nella sua vita; il patrigno non capisce perché Brayden non mangi più alcune cose. In effetti Brayden spiega che all’inizio non è stato semplice eliminare alcuni cibi dalla sua dieta, ma poi ne è stato felice perché la sua salute è migliorata e ha, soprattutto, perso i chili in più che aveva.
Payton ha anche un altro amico. Wyatt. Sebbene avesse solo 13 anni Wyatt era già stato espulso da molte scuole. Payton lo aveva invitato a iscriversi al club degli esploratori e lo aveva invitato in chiesa, ma la madre di Wyatt non gli aveva dato il permesso. L’amicizia dei due ragazzi, però, era continuata per tre anni, e quando Wyatt era venuto a sapere che la famiglia di Payton si stava trasferendo altrove, aveva scritto una lettera, indirizzata sia a lui che a sua sorella.
«Cari Payton e Stormy,
prima che ve ne andiate voglio ringraziarvi. Quando siete arrivati stavo vivendo un momento molto brutto. Non andavo più in chiesa e non avevo alcuna intenzione di tornarci. Quando siamo diventati amici, cercavo di far finta di niente, ma soffrivo e volevo essere come te, Payton. Il giorno della morte di mio padre, tu mi sei stato vicino e parlare con te mi ha aiutato moltissimo. Ho imparato da te a conoscere Dio. Tu sei stato e sei ancora per me un eroe, una fonte d’ispirazione e un modello di comportamento. I vostri genitori devono essere orgogliosi di voi, sapendo che mi avete aiutato a trovare Gesù».

(Tutti i nomi dei bambini del vicinato, salvo quello di Payton, sono stati cambiati.)

CONOSCIAMO MEGLIO:
– La Federazione di Mountain View comprende quasi l’intero stato della Virginia occidentale, insieme a due altri distretti dello stato del Maryland.
– La Federazione è la più piccola della Divisione Nord America, con 33 chiese, 7 scuole e 3 aziende.
– Al 2014, la Federazione contava 2.380 membri su una popolazione di 1.808.030 abitanti.

Condividi:

Autore dell'articolo: redazionemib