Generale, il tuo carro armato

Christian Caratelli, anni 14, ci ha sottoposto la seguente poesia di Bertold Brecht che l’ha fatto riflettere:

Generale, il tuo carro armato è una macchina potente
Spiana un bosco e sfracella cento uomini.

Ma ha un difetto:
ha bisogno di un carrista.

Generale, il tuo
bombardiere è potente.

Vola più rapido di una tempesta e porta più di un elefante.

Ma ha un difetto:
ha bisogno di un meccanico

Generale, l’uomo fa di tutto.

Può volare e può uccidere.

Ma ha un difetto:
può pensare.

Le cose dannose non vivono di vita propria, ma dietro a loro vi è sempre
l’uomo. Le cose su cui poniamo la nostra fiducia sono effimere. E,
poi, è un difetto se l’uomo pensa? O lo è per i “generali”
che vorrebbero vedere gli altri solo come marionette?

Condividi:

Autore dell'articolo: redazione